domenica 30 giugno 2013

Il #Turismo in Asia corre veloce, l'Italia resta al palo per mancanza di professionalità e lungimiranza






Air Asia sembra molto sicura di mantenere il dominio come miglior compagnia aerea della regione (Sud Est Asiatico) almeno per tutto il 2013, sebbene due nuove compagnie low cost si lanceranno presto sul mercato: La Lion Air  indonesiana e la Viet Jet Air vietnamita.

Nel sud est asiatico il turismo diversamente dall’Italia corre a due e talvolta a tre cifre in alcuni paesi, e tutti sanno che la chiave per vincere sono i collegamenti aerei.

Air Asia di origine malese, ha due hub fondamentali uno a Kuala Lumpur e l’altro a Bangkok,   due paesi nevralgici per la regione. Air Asia serve un’infinità di destinazioni tra piccole e grandi a prezzi ad oggi assolutamente imbattibili, facilitata anche dai governi locali che con grande lungimiranza hanno facilitato accordi e slots.

Il successo di Air Asia risiede  non solo dall’elevato numero di collegamenti, dal suo sito molto intuitivo, ma  soprattutto da ottime tariffe aeree.

Molti paesi del sud est asiatico sono in una fase di forte sviluppo dei collegamenti aerei, lo stesso Laos ha registrato nel 2012 arrivi per oltre 3 milioni di turisti, ovvero la metà dei suoi abitanti con uno sviluppo del turismo impressionante

Viet Jet  è stata fondata nel 2011, per far fronte al forte sviluppo economico della zona ASEAN, ha già al suo attivo ben 7 aeromobili e serve le città fondamentali del Vietnam con la Thailandia, e prevede collegamenti verso le maggiori resort destination della Thailandia.

La Lion Air ha visto invece in pochissimo tempo crescere il suo traffico dal 5% al 51% grazie al flusso sempre in aumento di turisti asiatici.

Dal canto suo, la Air Asia ha già schedulato nuove destinazioni in Cina e in Myanmar, quest’ultima sta conoscendo uno sviluppo impressionante in termini di crescita turistica, essendosi il paese aperto ad investimenti stranieri.

Del resto anche in Europa vi è in molti paesi uno sviluppo importante di collegamenti aerei, basti pensare alla crescita della spagnola Vueling, di Easy Jet e molte altre. In Italia, spesso si rasenta il ridicolo per le problematiche a concedere slots a nuove compagnie aeree, o a promuovere all’estero destinazioni italiani impossibili da raggiungere

Basti pensare al monopolio Alitalia su varie destinazioni come in Sardegna, usando una mentalità non solo anacronistica ma anche in contraddizione con lo sviluppo turistico del paese, tutto questo per interessi economici spesso molto privati e personali.

Finché non si esce da questa logica, sarà difficile competere con altri paesi. In Asia senza dubbio vi è corruzione, ma vi è anche volontà di emergere e cavalcare lo sviluppo sebbene con tante difficoltà. Da noi si resta solo corrotti purtroppo senza nessuna visione di qualsivoglia natura, se non quella meramente personale

Nessun commento:

Posta un commento